Centro San Rocco - Notizie

Noi, lo straniero
Data pubblicazione : 06/11/2019
Foto sommario

Migrazioni ed Immigrazioni nel Piceno dall’Età Arcaica ai Piroscafi. Tre incontri per esplorare le migrazioni lungo l’antichità, il medio evo e l’età moderna del Piceno. Primo incontro Sabato 23 Novembre alle ore 17 con Giacomo Recchioni

L’identità etnica di un popolo nella storia è costantemente attraversata e plasmata da correnti di scambi e convivenze con chi tendiamo a riconoscere come straniero, ma in realtà è già parte di noi. Questo ciclo di tre incontri vuole esplorare queste contaminazioni lungo l’antichità, il medio evo e l’età moderna del Piceno.

Sede: San Rocco – Piazza del Popolo,  Fermo

 

Calendario:

Sabato 23 Novembre 2019 – h. 17 – Relatore: Giacomo Recchioni

 

Ethnos e identità nel Piceno Antico

Identità arcaiche, multiculturalismo nel Piceno antico, koiné, melting pot, meticciato. Poi c’è stata la fabula Latina del Picus appartenuta ai Piceni e ai Sabini. Tutti termini utilizzati oggi che cercheremo di contestualizzare in area medio-adriatica intorno all’età del Ferro. 360.000 erano i Piceni secondo Plinio e di questo parleremo.

 

Sabato 30 Novembre  2019 h. 17 - Relatore: Prof. Marco Moroni

 

Le migrazioni del passar: Slavi e Albanesi nelle Marche del Quattrocento e del Cinquecento

Dopo le grandi pestilenze della seconda metà del Trecento, un consistente flusso migratorio prese avvio dalle regioni balcaniche e dall’Albania in direzione dell’Italia. Nella fase iniziale le regioni più investite, oltre alla Puglia, furono l’Abruzzo, le Marche e la Romagna; più tardi altri flussi si muoveranno verso le coste ioniche e la Sicilia. La peste aveva ucciso un terzo della popolazione italiana. Mancavano braccia: quelle braccia giunsero dalla sponda orientale dell’Adriatico.

Particolare attenzione sarà dedicata alle strategie di adattamento e ai meccanismi che hanno favorito l’integrazione degli immigrati slavi e albanesi nella società marchigiana del Quattro-Cinquecento.

 

Sabato 7 Dicembre  h. 17 - Relatrice: Prof. Olimpia Gobbi

 

ANDARE: luoghi di partenza, mète, ceti, genere e mestieri degli emigranti marchigiani fra Ottocento e Novecento

Fra Otto e Novecento hanno lasciato la loro terra più di seicentomila marchigiani. La relatrice cercherà di far emergere la complessa realtà di tale imponente fenomeno migratorio, da alcuni considerato un vero e proprio esodo. Se ne approfondiranno non solo le forme organizzative e le destinazioni, ma anche gli aspetti psicologici e socio-culturali, gli impatti sulle comunità di partenza e sulla vita reale delle persone coinvolte.

 

Scarica la locandina

 

indietro

Calendario

27 febbraio

Per il ciclo di incontri con gli scrittori giovani un momento con il fondatore di Penny Wirton, scuola per l’insegnamento gratuito della lingua italiana agli stranieri

Copyright 2015 Centro Culturale San Rocco - centrosanrocco@fermodiocesi.it

Fondazione Terzo Millennio - P. Iva 02061590440