rosone

Riceviamo e pubblichiamo

Matrimonio e Diaconato, dono e problemi

San Lorenzo diaconodi Stefania Pasquali

Nel numero 155 della rivista Il diaconato in Italia è stata pubblicata un'intervista con domande raccolte dalla diocesi di Rimini sul tema riguardante il matrimonio e il diaconato, del "come armonizzare i doni spirituali dei sacramenti del matrimonio e dell'ordine sacro nella vita concreta della famiglia del diacono".
Riporto l'articolo in  un sunto, citando quelle parti che ritengo più significative.
«…
Quale percorso di coppia è necessario intraprendere perché i doni spirituali dei due sacramenti si armonizzino e siano reciprocamente fecondi nella vita concreta della "coppia diaconale"? (…) Solo una coppia già sperimentata può intraprendere il percorso verso il diaconato, cioè una coppia che abbia vari anni di matrimonio alle spalle e che abbia iniziato un serio cammino spirituale… già inserita in un ambito ecclesiale.
I segni da valutare  possono essere diversi per ogni coppia. In generale alcuni segni di disagio sono individuabili facilmente, [come] la presunzione del marito di fare un cammino privilegiato che lo pone su un piano diverso da quello della moglie…
La divisione rigida dei ruoli tra i coniugi può essere un ostacolo alla comunione.
La mancanza di preghiera, l'impazienza, la fretta, la mancanza di tempo per la famiglia e per il Signore sono altri segni importanti che devono indurre ad un'attenta valutazione.
Solo la stabilità ormai raggiunta dei ruoli e la maturità affettiva ed umana permettono di vivere la pari dignità.
… Il corroborarsi a vicenda dei due sacramenti si manifesta anche quando la moglie si sente in comunione col marito diacono pur essendo costretta dalle necessità familiari a rimanere a casa...
Come vive la moglie gli impegni del marito? (…) La partecipazione agli incontri è sentita dai più come un desiderio che manifesta il senso di appartenenza alla comunità diaconale. La condivisione del ministero del marito si basa sulla preghiera insieme, sulla sincerità e sull'ascolto. Il diacono deve prendere tutti gli accorgimenti possibili per non pesare sulla famiglia e per farsi percepire vicino ad essa anche quando fisicamente non c'è.
(…)
Se ciascun coniuge prestasse costantemente attenzione alla vita dell'altro, non ci sarebbe bisogno di alcun richiamo all'equilibrio, ma tutto procederebbe senza problemi.
La preghiera personale e di coppia è uno strumento essenziale per mantenere la serenità in famiglia.
La famiglia dei diaconi è una famiglia come tutte le altre o è una famiglia un po' speciale (non nel senso di migliore delle altre, ma di particolare, originale)?
La famiglia del diacono è una famiglia come tutte le altre, ma con un dono in più, che la apre agli altri e al servizio... Apertura significa soprattutto prossimità agli altri, capacità di condivisione e buona capacità di tessere relazioni nella comunità e nell'ambiente di vita e di lavoro.
La comunità parrocchiale riconosce una vocazione particolare alla famiglia del diacono e la osserva con attenzione o guarda con speranza.
(…)
A volte il rapporto tra parroci e diaconi (e le mogli) è faticoso, spesso a causa di pretese o di indifferenza. Come aiutare i parroci ad avere fiducia nei loro diaconi e nella disponibilità al servizio di questi e a valorizzare anche le "coppie diaconali" in quanto tali e le loro famiglie?
Le difficoltà sono per molti dovute al fatto che i preti non sono abituati a prendere decisioni condividendole con gli altri. Sentono come esclusivamente propria la responsabilità della comunità e spesso vedono il diacono come mero esecutore o collaboratore qualificato invece che come corresponsabile e come fratello nell'ordine sacro. Questo è in gran parte dovuto alla formazione seminariale del parroco, che quindi va ricalibrata perché il prete impari non a fare tutto da solo, ma a condividere i pesi e le responsabilità - anche per moltiplicare la gioia - con altri. I sacerdoti potranno cambiare la loro mentalità solo se potranno sperimentare nel loro processo formativo e poi nella loro vita in parrocchia forme di vera fraternità. La ricerca di prossimità col parroco e di dialogo costruttivo da parte della coppia diaconale rende il prete più sensibile alla famiglia e al servizio del diacono. Il rapporto è per alcuni già improntato a condivisione, ascolto e fiducia reciproca e c'è chi già sperimenta una comunione fraterna col parroco.
…»

 

 

Stefania Pasquali

 

 

 In questa pagina puoi trovare gli ultimi aggiornamenti sul cammino di formazione permanente dei Diaconi e degli Aspiranti al Diaconato della nostra Arcidiocesi

Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Paolo

    02-09-2010 17:21 - #1
    Matrimonio e Diaconato sono Sacramenti; come tali hanno il compito ed il dono di edificare, e non certo di fare danni! Così il Diaconato non può offuscare o limitare il Matrimonio, né viceversa. Sono doni di Dio, ed in quanto tali si esaltano a vicenda. La preghiera comune e fiduciosa di tutta la Chiesa sostenga i diaconi, gli aspiranti e le loro spose nella ricerca del giusto equilibrio tra i due Sacramenti.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Copyright 2009 Arcidiocesi di Fermo - info@fermodiocesi.it | pec: economato.diocesifermo@legalmail.it | Redazione | Contattaci | Cookies / Privacy Policy

Arcidiocesi di Fermo: C.F. 90006790449 - Via Sisto V, 11 - Tel: 0734.229005 Fax: 0734.229981