rosone

Notizie dalle parrocchie

La Festa di Sant'Antonio Abate a Petriolo
Foto sommario

Un'antica tradizione ancora viva oggi grazie all'impegno della locale Confraternita del SS. Sacramento

Le tradizioni popolari o usanze religiose hanno sempre seguito le scadenze calendariali da gennaio a dicembre. La vita paesana di Petriolo era un tempo ricca di colore tutto proprio, non  privo di gusto e genialità. Le usanze religiose, inserite nel ciclo liturgico dell’anno, scandivano gli appuntamenti più importanti della vita del paese. Oggi purtroppo molte di queste usanze si sono perse o sono state cancellate dalla liturgia attuale. Grazie all’operato della Confraternita del Santissimo Sacramento, tante tradizioni religiose sono comunque rimaste vive seppur la partecipazione non susciti lo stesso interesse di un tempo. Il 17 Gennaio, giorno della festa di Sant’Antonio Abate protettore del bestiame, la Confraternita celebra l’antica benedizione delle “pagnottelle de Sant’Andò”. Nella notte della vigilia di questa ricorrenza, la leggenda vuole che il Santo passi per ogni stalla e parli con gli animali per assicurarsi della loro buona custodia e cura. Pertanto i contadini provvedono a far sì che tutto sia in ordine e che venga concessa anche una doppia razione di mangime, volgarmente detta “satollacciù”. In questo giorno molti fedeli giungono nel Santuario della Madonna della Misericordia (oggi chiuso a causa del sisma) per prendere parte alla celebrazione della Messa e per confessarsi. La Confraternita, inoltre, in occasione della festa di Sant’Antonio Abate, è consueta offrire a tutti i partecipanti un ricco buffet composto da pizza e bibite. Terminato il momento conviviale, la Confraternita è solita omaggiare i presenti con “pagnottelle” benedette e un classico souvenir: il “Lunario del Campagnolo”. Nonostante il tentativo delle nuove tecnologie di prendere il soppravvento, c’è chi ancora oggi rimane fedelmente attaccato a quelle che sono le classiche tradizioni del passato. Come la Confraternita del Santissimo Sacramento di Petriolo, che ogni anno ha come obiettivo quello di preservare quel patrimonio di valori ed usanze religiose che altrimenti rischierebbe di estinguersi.

 

Mariano Mercuri

Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • ornella

    10-01-2017 10:10 - #1
    anche a civitanova alta il 17 gennaio e la domenica successiva si festeggia sant'antonio con la distribuzione delle "panette" benedette durante un momento conviviale
Aggiungi il tuo commento
indietro

Eventi dalla diocesi

08 agosto - 13 agosto
15 agosto 11:30

In Cattedrale

Copyright 2009 Arcidiocesi di Fermo - info@fermodiocesi.it | pec: economato.diocesifermo@legalmail.it | Redazione | Contattaci | Cookies / Privacy Policy

Arcidiocesi di Fermo: C.F. 90006790449 - Via Sisto V, 11 - Tel: 0734.229005